Francesco / 30 anni

Settembre 2012 - Settembre 2017 Destinazione mondo

Ho da poco "compiuto" cinque anni nel mondo del lavoro. Più che a un compleanno, ho però avuto la sensazione di trovarmi di fronte alla tappa di un viaggio...Un viaggio strano, cominciato nella mia città e con la sensazione di aver trovato un posto di lavoro rassicurante, in linea con quello che avevo studiato e vicino a casa - "ho tutto a Bergamo, perché mai dovrei andarmene?" ma continuato venti mesi dopo su un Ryanair "massí, lavorare in Europa é ormai cosa normale - a poche ore da casa" e proseguito dopo altri venti mesi su un American Airlines "beh, l'America non é certo vicino a casa, ma quando mi ricapita?" Da oltre tre anni mi pare di essere in un viaggio dentro al viaggio - settimane intense, spesso da sessanta ore, a volte decisamente scollegato dal mondo circostante ... e week-ends per lo più ancora più intensi, in costante ricerca di posti nuovi, persone nuove, nuove avventure e nuove emozioni (o sulla via di casa.. con quel brivido difficile da spiegare, di ritrovare persone, luoghi e sensazioni che mai hanno lasciato la tua mente). Sono cresciuto beneficiando della stabilità della generazione del lavoro "fisso e per sempre" dei mei genitori - mi sono ritrovato nel dinamismo di un lavoro diverso ogni giorno e che potrebbe aprirmi scenari Latinoamericani, Mediorientali, Africani o in Estremo Oriente da una settimana all'altra (e mai vorrei averlo quel lavoro fisso, per sempre). Negli anni dell'università, e subito dopo averla finita, ho avuto la preoccupazione di trovarlo quel lavoro che mi piacesse e che mi appagasse professionalmente, economicamente e personalmente - e adesso che quel lavoro ce l'ho mi chiedo: "cosa dopo?" - Vorrei percorrere un binario parallelo, dove il mio tempo è speso per leggere e studiare, per viaggiare finalmente senza il pensiero del lunedì o la scadenza scritta sul biglietto di ritorno, per bere un amaro con gli amici di sempre, per camminare sulle mie montagne, per tifare la mia squadra di calcio, per condividere pensieri con persone con la mia stessa formazione culturale o fare incontrare persone con formazioni culturali diverse, per scacciare i dubbi etici sul far parte di un sistema del quale non ho mai condiviso i paradigmi e per fare un sacco di altre cose che, per il momento, ho messo da parte....
Il viaggio continua -
Sono atterrato a Chicago: che il week-end abbia inizio!!!