Paola / 22 anni

Ora sì, sono sulla strada giusta

Quando dico che studio Medicina solitamente vengo invasa da una raffica di domande a cui la maggior parte delle volte non so rispondere.
Sì, lo so che è lunga. Sì, sei anni.
No, non so ancora di preciso cosa vorrò fare da grande.
No, non l’ho sempre voluto fare.
No, non so cosa potrebbe essere quel dolorino alla gamba che hai.
Soprattutto i primi anni mi chiedevo continuamente se era la scelta giusta per me, se stavo davvero imparando e che dovevo decidere cosa fare una volta laureata. Ma credo di essere arrivata ad un punto in cui queste domande mi spaventano meno.
Da quest’anno ho iniziato la frequenza nei reparti dell’ospedale.
Quando tutte quelle cose hai letto sui libri e a cui forse poco credevi le vedi con i tuoi occhi e non sono più lontane e riferite a persone immaginarie ma a pazienti che hai davanti cambia completamente la prospettiva che hai del tuo futuro.
E se ancora non so di preciso cosa farò dopo la laurea, ho visto cosa vuol dire essere medico e ho finalmente capito che sì, sono sulla strada giusta.